BIAF XXXI EDIZIONE

 

 

Oggi la Biennale è considerata la Mostra mercato più importante al mondo per l'arte antica italiana e, ogni due anni, porta a Firenze il meglio dell'antiquariato nazionale ed internazionale invitando un gruppo selezionato di antiquari capace di proporre una scelta importante e molto varia di opere, garantita da un autorevole vetting. 

Una significativa sequenza di appuntamenti ufficiali accompagnano la Mostra. Il Gala Dinner è quello più atteso  poiché offre agli ospiti, provenienti da molti Paesi dell'U.E. e dagli U.S.A., la possibilità di visitare in anteprima assoluta la Mostra e subito dopo godere di una elegante e raffinata cena servita da Harry's Bar con spettacolo pirotecnico finale.  

Consuetudine della manifestazione sono le piccole ma significative mostre temporanee, di carattere divulgativo, tenute all’interno di Palazzo Corsini, che in questi anni hanno esposto preziosi ed evocativi oggetti provenienti da raccolte pubbliche e private, come i premi conferiti per le opere più significative presentate dagli espositori e a personalità stimate per il loro alto valore culturale.

Siamo così giunti alla storia più recente della Biennale fiorentina. Nel 2001 viene eletto nuovo Segretario Generale della Biennale Giovanni Pratesi, che spinto da una grande volontà di rinnovamento chiama Pier Luigi Pizzi, indiscusso regista, scenografo e creatore di costumi, a disegnare una messa in scena volta a valorizzare gli spazi espositivi. Pizzi, in armonia con l’architettura monumentale preesistente, costruisce ambienti neobarocchi con lesene, cartigli e decorazioni stilizzate, tutte giocate sui toni del bianco, del grigio e dell’ocra, che creano una continuità atemporale tra il vero e l’artificio, acme che raggiunge nell’ingresso al palazzo da via del Parione al Lungarno Corsini.

Altro elemento che Pratesi affronta con risoluta volontà già nel primo anno della sua nomina a Segretario Generale, è la possibilità per l’antiquario e il collezionista di rendere libere le opere d’arte da qualsiasi vincolo legislativo. A questo auspicio si rende complice l’allora Soprintendente Antonio Paolucci (oggi direttore dei Musei Vaticani), che insieme creano le condizioni perché ogni opera venga dotata, ancor prima dell’inizio della manifestazione, di un certificato di libera circolazione, rilasciato dall’Ufficio Esportazioni di Firenze e dal Ministero e le Attività Culturali. Una peculiarità esclusiva della Biennale, che segna un atteggiamento di reciproco rispetto e di volontà condivisa nella promozione e conservazione delle opere d’arte. Altro elemento posto a ribadire il proficuo rapporto tra le istituzioni e il mondo antiquario è la scelta di conferire la presidenza del Comitato Scientifico al Soprintendente al Polo Museale fiorentino, nonché la formazione di un vetting di assoluto profilo, con storici dell’arte di chiara fama, chiamati a valutare le regole aure che da sempre regolano il mercato dell’antiquariato: qualità, provenienza, e stato di conservazione, oltre all’autenticità dell’opera d’arte, valore primo per un mercato volto all’eccellenza. Requisiti indiscutibili che determinano all’origine una naturale selezione degli espositori, capaci di soddisfare appieno la preminenza di qualsiasi oggetto d’arte presentato. I Carabinieri del Comando per la tutela del Patrimonio Artistico garantiscono infine i giusti titoli di provenienza.

Dal 1959 al 1975 sede della manifestazione fu Palazzo Strozzi nel centro storico di Firenze. Nel 1977 per l’inagibilità di Palazzo Strozzi, la Biennale fu costretta a trasferirsi a Palazzo Giuntini, l’ex Grand Hotel, ora Hotel St. Regis, per poi ritornarvi due anni dopo e fino al 1993.  Nel frattempo, nel 1986, Guido Bartolozzi subentrò nella Segreteria Generale ai fratelli Bellini e la mostra prese definitivamente il nome di  Biennale Mostra Mercato Internazionale dell’Antiquariato. Nel 1995 la Biennale si trasferì al Palazzo degli Affari, progettato da Pier Luigi Spadolini, per poi spostarsi nel 1997, questa volta definitivamente, in Palazzo Corsini sull'Arno.

Due anni dopo, nel 1961, la mostra fu inaugurata dall’allora sindaco Giorgio La Pira e si caratterizzò per la vivace e spontanea partecipazione del Presidente del Consiglio dei Ministri Amintore Fanfani. La presidenza del Comitato esecutivo passò al Principe Giovanni Ginori Conti e annoverava ministri, militari, il Presidente del Consiglio Superiore delle Belle Arti Mario Salmi, e un florilegio di fanciulle e dame della migliore aristocrazia fiorentina. Un’edizione che fu anche vetrina del vagheggiato mondo dello spettacolo e del cinema, con presenze quali la spumeggiante Josephine Baker, la divina Greta Garbo, l’esplosiva Sofia Loren, il regista e attore americano John Huston, l’altera Silvano Mangano accompagnata da Mauro Bolognini, la garbata Paulette Goddard con Erich Maria Remarque, testimoni di quel mondo raffinato del jet-set non ancora contaminato nella sua inaccessibile aurea.

Ma il dato più significativo della Mostra dell’Antiquariato di Firenze fu che mutò sostanzialmente la percezione dell’antiquario, da mero scopritore di anticaglie a raffinato conoscitore delle forme e dei colori che l’arte, attraverso il tempo, si è data, e quindi paritetico alle fasce più alte della società economica e culturale.

Il gusto imperante in quegli anni era prettamente orientato al tardo rinascimento, al Settecento veneziano e agli arredi francesi del XVIII secolo. I mobili dovevano essenzialmente rispondere al principio di decoro della casa, principio a cui erano assoggettate anche la pittura, la scultura e le arti decorative. Grande apprezzamento era riservato dai collezionisti internazionali ai fondi oro, alla scultura quattro - cinquecentesca, alle porcellane, agli argenti e a quella serie di oggetti decorati a découpage e definiti “arte povera”.

Erano anche quegli gli anni in cui una giovane generazione di storici dell’arte iniziava uno studio sistematico e capillare intorno ai vari comparti dell’antiquariato, togliendoli da un limbo di genericità e attribuendo loro il giusto valore storico e documentale.

Nel corso delle successive edizioni la mostra si accrebbe in fama e prestigio internazionale e il numero dei visitatori si ampliò a dismisura accogliendo personaggi eterogenei, dal Re di Svezia e la Principessa Irene di Grecia, ai vari Presidenti della Repubblica, fino al Pictor optimus Giorgio De Chirico, unico artista contemporaneo capace di paragonarsi agli antichi.

L’immediato successo della manifestazione si allargò a tutto il tessuto cittadino, con rievocazioni storiche che richiamavano un grande numero di curiosi, ed eventi mondani dal carattere fastoso. L’esposizione col trascorrere degli anni divenne un must, non più rivolta a una ristretta cerchia di esperti e collezionisti, ma anche a una nascente e florida borghesia che si era affermata col boom economico.

L’alluvione del 4 novembre 1966 fu per gli antiquari fiorentini una catastrofe senza pari, ma nonostante ciò l’anno seguente la mostra aprì regolarmente, grazie anche allo sforzo e al lavoro dell’intera città sotto la guida del sindaco Piero Bargellini. La forza e il prestigio della manifestazione costrinsero comunque mostre come quella di Parigi a trasferirsi dalla periferia al grandioso Grand Palais nel cuore della città.

Era il 1959 quando Mario e Giuseppe Bellini dettero vita alla più importante manifestazione antiquaria italiana e una delle più significative al mondo, che vide coinvolti non solo operatori italiani, ma anche quell’élite di stranieri che percepivano in Firenze il senso e l’immagine della cultura umanista, intesa come colta e appassionata ripresa dei valori etici, estetici e spirituali, di quella classicità greca e soprattutto romana che è misura ed equilibrio del bello. Un processo che prese il suo abbrivio già alla fine dell’ottocento con personaggi quali Luis Carrand, John Temple Leader, Frederick Stibbert, Herbert Percy Horne, Bernard Berenson, e tanti altri ancora, che designarono Firenze come luogo d’elezione e dimora imprescindibile al loro arricchimento intellettuale. Ma furono principalmente Stefano Bardini e Elia Volpi fra fine otto e primo novecento a diffondere nel mondo il gusto “fiorentino”.

Fu solo con gli anni Cinquanta,coincidenti con quello sviluppo economico e creativo che portò alla nascita di uno stile e di una riconoscibilità italiana nel mondo, che si definì a tutto tondo la figura dell’antiquario, tramite tra l’unicità dell’opera ed il piacere emotivo ed estetico del collezionista. Ma è a Luigi Bellini, padre dei fondatori della Mostra Mercato dell’Antiquariato di Firenze, che in nuce si deve, nel 1953, il primo tentativo di raccogliere, in quella che universalmente è riconosciuta come la culla del Rinascimento, il meglio dell’antiquariato italiano.

Presidente del Comitato esecutivo della prima edizione della mostra del 1959, ereditata dai figli Mario e Giuseppe Bellini, fu Giacomo Devoto, glottologo, filologo e critico etterario, che sottolineò il duplice aspetto che l’esposizione avrebbe dovuto evidenziare: quello di diffusione e conoscenza dell’arte antica italiana, intesa non solo come pittura e scultura, ma anche come mobili e arredi, ovvero un coacervo di stimoli estetici che diviene gusto e stile di vita; e quello prettamente commerciale, che vede il segmento dell’antiquariato come parte integrante dello sviluppo economico del Paese fra gli anni cinquanta e gli anni settanta. Il Comitato esecutivo comprendeva l’amato Piero Bargellini, l’uomo che nei giorni più disastrosi dell’alluvione di Firenze del 1966 si mostrò ai cittadini come figura di altissimo profilo etico e morale, oltre ai più autorevoli e raffinati esponenti del mercato antiquariale italiano, ma soprattutto straniero.

Sede della mostra fu lo storico Palazzo Strozzi, dimora di una delle più antiche e illustri casate fiorentine, iniziato dalla famiglia per volontà di Filippo nel luglio 1489 da Benedetto da Maiano, architetto preferito da Lorenzo il Magnifico, proseguito da Giuliano da Sangallo e concretamente realizzato e ultimato da Simone Pollaiolo detto il Cronaca, nel 1504, per Lorenzo Strozzi, secondogenito di Filippo, e la sua sposa Lucrezia Rucellai. Un edificio carico di storia, noto in tutto il mondo, ed esempio eccelso del Rinascimento italiano, che divenne icona e riverbero internazionale della stessa manifestazione.

Il successo fu immediato e travolgente, tanto che occorse l’intervento delle forze dell’ordine per disciplinare la curiosa folla, che in quel mese di apertura al pubblico prese d’assalto la Mostra.
Visitatore d’eccezione, giunto a Firenze in veste privata il giorno antecedente la chiusura della manifestazione, fu il Presidente della Repubblica Italiana Giovanni Gronchi. Un successo d’immagine strepitoso che la presenza di Gronchi sancì anche nella sua sostanza culturale e mondana, che i fratelli Bellini, coadiuvati dai membri dell’Associazione Antiquari d’Italia, nata nell’occasione, avevano curato con elegante rigore in ogni minimo dettaglio.
Tutto questo quando ancora l’autostrada del sole era di là da venire, i trasporti di opere d’arte non esistevano, ma si appoggiavano a semplici ditte di traslochi, e il concetto stesso di comunicazione era affidato a raffinati articoli ospitati nelle leggendarie “terze pagine” culturali dei maggiori quotidiani, nonché al passa parola di una élite sofisticata e cosmopolita.

Nota! Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza dell'utente e la qualità dei servizi.

Continuando la navigazione autorizzi le nostre modalità d'uso dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito web utilizza Cookie per garantire il suo corretto funzionamento e migliorare l'esperienza dell'utente. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei Cookie all'interno di questo sito e su come gestirli.

I Cookie sono costituiti da piccole porzioni di codice memorizzate sul computer (o su qualsiasi altro dispositivo utilizzato per la navigazione) nel momento in cui viene visitato un sito web che ne fa uso, consentendogli in questo modo di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, utili durante le successive visite, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.

Esistono diverse tipologie di Cookie. Alcuni sono indispensabili al corretto funzionamento del sito e senza di essi non sarebbe possibile utilizzarne alcune funzioni, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Altri ancora servono per raccogliere informazioni, in forma anonima e aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito.

Questo sito utilizza Cookie per ottimizzare l'esperienza di navigazione e svolgere altre attività strettamente necessarie al funzionamento dello stesso. Per monitorare le sessioni e le proprie performance, per attivare le funzioni necessarie all'autenticazione e registrazione degli utenti.
In nessun caso utilizza Cookie di profilazione, ovvero atti a tracciare un profilo dell'utente al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso durante la sua navigazione.

Questo sito utilizza Google Analytics, uno strumento di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. ("Google") che aiuta i proprietari dei siti web a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti del sito.
Google Analytics si serve di un set di Cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche di utilizzo del sito web senza identificazione personale dei singoli visitatori. In qualità di editore del sito non siamo in grado di fornire un’informativa adeguata sull’uso dei cookie da parte del provider/concessionario del servizio.

Per maggiori informazioni è possibile consultare l'informativa fornita da Google al seguente indirizzo: Informativa Google Analytics.

È possibile inoltre impedire l'utilizzo dei propri dati da parte di Google Analytics installando sul proprio browser l'apposito componente aggiuntivo scaricabile al seguente indirizzo: Componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics.

Come modificare le impostazioni sui cookie

Intervenendo sulle impostazioni del proprio browser è possibile gestire i Cookie in maniera da rispettare le preferenze dell'utente. Ogni browser offre la possibilità di accettare o meno i Cookie in maniera specifica per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre alcuni browser consentono di definire anche impostazioni diverse per i Cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”.
Attenzione: disabilitare i Cookie potrebbe impedire l'utilizzo di alcune funzionalità di questo sito web. La disabilitazione dei Cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità.

La procedura varia leggermente a seconda del tipo di browser utilizzato. Per le istruzioni dettagliate, seguire uno dei seguenti link:

Pubblicità comportamentale

Scoprite cosa è la pubblicità comportamentale e decidete in autonomia quali servizi autorizzare e quali bloccare youronlinechoices.com/it/
 
La presente informativa sull'utilizzo dei Cookie è relativa al sito www.biaf.it. Vista l'oggettiva complessità legata all'identificazione delle tecnologie basate sui Cookie ed alla loro integrazione molto stretta con il funzionamento del web, l'utente è invitato a contattare il Titolare qualora volesse ricevere qualunque approfondimento relativo all'utilizzo dei Cookie stessi e ad eventuali utilizzi degli stessi – ad esempio ad opera di terzi – effettuati tramite questo sito.
 

Aggiornato al 28/05/2015

 
 
 
Facebook
Google
Instagram